Resoconto serata con GIT Forlì/Cesena Banca Etica del 08/11/07

Presenti: Neri Eraldo – Dall’Ara Michele – Brunetti Paolo – Zanuccoli Adolfo – Romana Moretti Romeo Giunchi, per la Banca è presente Ivan Pesaresi.

Eraldo esordisce spiegando che circa 3 settimane fa è stato fatto un incontro fra le varie circoscrizioni romagnole. Siccome i Ravennati organizzano “Semi di futuro” (Fiera dell’economia Sostenibile) dal 22 al 25 novembre dalle 09:30 alle 13 e dalle 15:00 alle 19 con inaugurazione Giovedì 22 alle ore 17:30 in cui sono previsti una serie di incontri oltre a diversi standisti, chiedevano aiuto per rappresentare Banca Etica, Michele e Paolo si sono dati disponibili. Continua a leggere

Annunci

Ritrovo di Banca etica del 08/11/2007

Il ritrovo di Banca Etica ritorna!!!
Giovedi 8 Novembre ore 21

Cesena Viale Bovio 48 Via Emilia altezza stazione FFSS …. Sede DS Cesena (ancora per poco).

Abbiamo già la disponibilità di Ivan Pesaresi.
L’ODG dovrebbe essere:

  • Verifica programma già ipotizzato
  • Coordinamento Romagna del 6 Ottobre
  • Fiera Faenza 22/25 Novembre
  • Assemblea 25 Novembre ad Abano
  • Le immancabili varie ed eventuali!!!

Saluti radiosi da Eraldo e … Romeo

Verbare incontro del 10/05/2007 del coordinamento locale di Banca Etica Forlì-Cesena

Presenti; Dario Brollo e Adriano Pallaro di Banca Etica; Eraldo Neri, Costa Celso, DallìAra Michele, Paolo Ricci, Giunchi Romeo del CIT; Romana Moretti come Socia

L’incontro ha inizio alle 08:50; dopo una rapida presentazione dei presenti si sfrutta l’occasione della presenza e disponibilità di Adriano Pallaro dell’Ufficio Progetti della Banca Etica, Adriano è di Padova e lì lavora in B.E. dal 1999, nel suo ufficio sono in 9 persone. Il loro B.E..

Da subito fa presente che ha seguito la nascità di B.E. partendo eticamente nel MAG (Mutua Auto Gestione, che raccoglieva soldi dai soci per ridistribuirli ad altri soci). Spiega come la “progettualità” è sempre stata sentita e strutturata in B.E. e l’ufficio progetti ha il compito principale di raccogliere le istanze ed i suggerimenti dei Soci verificandone un eventuale interesse per la Banca. Opera principalmente su 4 filoni principali:

Area Socio Culturale; Collaborazione Internazionale; Area Ambientale ed Associazionismo; si occupano di Responsabilità Sociale d’Impresa, Microcredito (come coordinamento), oltre all’ambito ambientale si segue anche quello energetico, segue anche la Progettazione Pubblica Europea e, proorio a questo proposito, sottolinea come proprio l’11/05/07 si costituirà c/o un Notaio una Esco

Per quanto attiene la Responsabilità Sociale si occupa della certificazione SA 8000 interna della Banca; segue e pianifica il processo del Bilancio Sociale. Questo settore è anche il riferimento per i vari valutatori sociali. Alcuni membri sono presenti sui tavoli di confronto assieme alle altre banche; evidenzia come questo rappresenti un’occasione per misurarsi anche con altri soggetti, traendone spunti e fornendo occasioni anche alle altre Banche per rimettersi in discussione in chiave etica. A questo proposito evidenzia anche come il fermento “etico” e “non “profit”coinvolga effettivamente anche altre Banche storiche (un esempio per tutti la prossima nascita di Banca Proxima (Gruppo Intesa)

La B.E. parteciperà anche a “Valore Sociale” che altri non è che un’Associazione per la tutela dei Diritti Umani e dei Consumatori che si si occuperà di certificazione di imprese valutando appunto la responsabilità sociale dell’impresa.

Sul fronte micrecredito la B.E. opera principalmente con Enti Privati e Pubblici, Associazioni, ecc. e si distinguono in due principali filoni:

Socio Assistenziali (per il supporto ad indigenti);
Microimpresa (credito per sviluppo di piccole imprese famigliari o comunque di piccole aziende)

In pratica B.E. stipula una convenzione con questi Enti / Associazioni redigendo un regomento. L’Ente valuta queste richieste di finanziamento per la corrispondenza al regolamento fissato dopodichè passa tutto alla filiale che controlla i tassi di solvenza ed eventuali problemi sospesi del richiedente il finanziamento e poi lo autorizza e concede. Per le microimprese il processo è leggermente più complesso e attento crescendo anche la cifra finanziata.

Chiartamente Banca Etica deve fare i conti con qualche problema tipo l’assenza di tante filiali diffuse come le banche tradizionali e, per mantenere tempistiche di erogazione compatibili con le necessità (5/6 gg per richieste fino a 10.000€) utilizza anche il banchiere ambulante per l’istruzione della pratica ed ha delegato alle filiali l’ultima valutazione per snellire il processo. In questo modo sono impegnati in B.E. circa 1.000.000 di euro. Spiega Adriano che attualmente anche altre Banche stanno concedendo prestiti per il microcredito (Casse rurali, Banche di credito cooperativo, ecc.). Stanno anhe valutando la costituzione di un’Agenzia del microcredito specializzata proprio su questo.

Sul settore Ambiente/Energia sono stati predisposti prodotti finanziari per favorire il risparmio energeticoe per finanziare l’installazione di apparecchiature per lo sfruttamento delle fonti rinnovabili e da tempo sono disponibili mutui a questi scopi proprio per privati, aziende del terzo settore, Amministrazioni pubbliche.

B.E. ha fatto la scelta di incentivare maggiormente il risparmio energetico rispetto alla generazione di energia da fonti rinnovabili e, a quest’ultimo proposito, ha fatto la scelta di finanziare solo chi copre il proprio fabbisogno con questa generazione e non chi lo fa con intenzioni speculative. A questo ptoposito hanno anche fatto diversi incontri con il Prof. Maurizio Pallante proprio per perfezionare e migliorare le offerte.

Attualmente stanno anche analizzando collaborazioni tra consorzi di produttori e consumatori per poter offrire contratti al terzo settore ed anche ai privati vista la prossima liberalizzazione definitiva del 01/07/2007 per l’utilizzo di energia comopletamente proveniente da fonti rinnovabili (Eolico, idroelettrico, solare, biomassa).

Come scritto prima è in costituzione INNESCO, la Esco in cui B.E. entrerà anche nel Capitale Sociale con cui si vuole organizzare un servizio veramente completo che va dalla formazione di tecnici, operatori, progettisti e valutatori per creare una rete di competenze tecniche in grado di offrire servizi completi per poter dare risposte corrette e ponderate a chi ha intenzione di migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Sarà principalmente dedicata ed edifici pubblici, condomini, ecc. ed anche a abitazioni private (per queste ultime solo epr casi di particolare interesse). Non si esclude che per finanziare questo progetto passa sorgere un fondo d’investimento specificatamente per questo scopo.

Il Banchiere ambulante, in generale, è in grado di affrontare questi aspetti in quanto è stato anche formato allo scopo ma Adriano precisa la massima disponibilità in caso di casi particolari o da valutare singolarmente.

Viene poi affrontato un po’ da Eraldo i prossimi obbiettivi del coordinamento volti a stimolare l’avvicinamento di Ivan Pesaresi alle Amministrazioni dei due principali Comuni (Forlì e Cesena) della provincia per verificare come poter aprire fronti di possibile collaborazione reciproca mettendolo in circolo fra i partecipanti dimostrando una generale condivisione all’idea per la quale comunque Dario sottolinea l’importanza di fare rete e non lasciare il coordinatore solo dandogli ognuno una mano per come può.

Sono satti espressi alcuni dubbi per la recente lettera di Alex Zanotelli a Banca Etica e l’argomento è stato discusso e Dario ha precisato come sia già stato programmato un incontro a Napoli (16/05/07) tra una rappresentanza di Banca Etica (tra cui il Presidente) e lo stesso Alex nel quale si spera di chiarire le contestazioni mosse a B.E. Inoltre viene rilevata la strana coincidenza con l’ormai prossima assemblea per la nomina del Consiglio di Amminsitrazione della Banca.

Per il prossimo incontro è stato deciso che Eraldo concorderà con Mario Dal Re (coordinatore CIT Faenza) possibilmente per il 12/06/2007, un incontro con lui per capire come si sono mossi a Faenza visto che il loro cammino è già ad uno stadio avanzato. Appena avuta la conferma Celso prenoterà la stanza in cui ci siamo costituiti a Forlì.

Alle 23:10 si chiude l’incontro

Inocntro del coordinamento locale di Banca Etica del 10/05/07

Il previsto incontro dell’8 (oggi) è stato spostato per impedimenti di alcuni relatori pertanto ci vedremo Giovedì 10/05/2007 alle ore 20:30 a Cesena alla saletta dell’ENAIP di cui all’ultimo incontro (via Aldini, 2)

L’argomento era stato stabilito al precedente incontro e vedrà la partecipazione dell’Ufficio Progetti della Banca che spiegherà in concreto l’operato dell’Ufficio stesso ed il modo di interfacciarsi con lo stesso oltre alle immancabili varie ed eventuali.

Come per l’altra volta organizziamoci con le macchine per non andare con 24 auto.

Mi scuso per il ritardo ma solo qualche ora fa ho avuto la conferma definitiva del luogo ed un altro impegno mi ha tenuto fuori per la serata.

Postate di seguito le manifestazioni di interesse per unirsi nel viaggetto da Forlì.

Saluti radiosi

Resoconto incontro Coordinamento Locale FC del 03/04/07

Come da programma ci siamo incontrati e puntualmente alle 09:05 sono partiti i lavori:

Presenti: Neri Eraldo, Costa Celso, Brunetti Paolo, Dall’Ara Michele, Zanuccoli Adolfo, Ricci Paolo, Barzanti Max, Giunchi Romeo. Con la partecipazione di Ivan Pesaresi e Dario Brollo

Celso spiega che la SCOES di Forlì diventerà Socia; Eraldo spiega come CGIL di Cesena abbia in corso la pratica per associarsi; inoltre lui stesso ha parlato anche con l’Assessore Provinciale alle Politiche Sociali per mettere in un prossimo ordine del giorno con i Comuni della Provincia una presentazione di Banca Etica. Comunque si spedirà, nel contempo, una lettera ai vari Comuni per anticipare l’argomento; lettera già preparata e perfezionata.

Circa le convenzioni che vengono fatte con talune realtà per condizioni agevolate sui conti è stato spiegato che queste convenzioni riguardano solo le organizzazioni (ad esempio sindacato, ONLUS, ecc.) e non le persone fisiche iscritte o rapresentate dalle stesse; inoltre le convenzioni sono comunque limitate a quelle realtà che dimostrano di “investire” molto su Banca Etica.

Per quanto attiene la raccolta delle principali condizioni delle banche locali Max presenta il suo resoconto mentre per gli altri componenti il lavoro è ancora in corso. Comunque Max precisa che su un sito si possono già fare confronti abbastanza vasti sulle condizioni bancarie. Ivan precisa che questa analisi voleva anche essere un’idea per rendere partecipi i membri del coordinamento.
Dario propone alcuni punti all’attenzione del Coordinamento:

  • Segnala la possibilità per alcuni di entrare in una mailing list ristretta a pochi rappresentanti per coordinamento territoriale in cui vengono discusse e pianificate svariate iniziative e chiede disponibilità a qualcuno del nostro coordinamento a riceverla per poi fare un sunto ai restanti membri del coordinamento stesso sugli argomenti di maggior interesse; viene individuato i Eraldo e Paolo i due da iscrivere.
  • Sollecita la partecipazione del GIT agli eventi almeno con una rappresentanza minima di almeno due persone. Evidenzia come il prossimo 05/05/07 si incontreranno tutti i gruppi del nord-est e di come sia in fase di sviluppo l’ordine del giorno di quell’incontro ed auspica una folta partecipazione dei membri forlivesi.
  • Per il progetto di formazione che stiamo portando avanti suggerisce di far intervenire l’ufficio progetti della banca per poter capire la progettualità della banca stessa e per meglio analizzare anche le esigenze del territorio concretizzando progetti ad hoc. Si farà carico pertanto di comunicarci la disponibilità per la prox riunione del 08/05/2007 di qualche membro dell’ufficio stesso.
  • Raccomanda la partecipazione e la stimolazione dei soci del territorio per la partecipazione alla ormai prossima riunione annuale dei soci del 26/05/07 a Padova
  • Evidenzia come per la prossima fiera Terra Futura dal 18 al 20/05/2007 si possa partecipare anche come volontari per l’organizzazione dedicando 4 giorni a questo importante evento.

Ivan Pesaresi sottolinea l’importanza di “fare gruppo” con i CIT vicini e si stabilisce che uno dei prossimi incontri si possa concordare con la vicina provincia di Ravenna e di Rimini proprio con lo scopo di scambiarsi idee e opinioni, oltreché conoscersi.

Sempre Ivan invita tutti Sabato 09/06/2007 alle 10:30 all’inaugurazione dell’ufficio di Rimini di Banca Etica in via Pascoli n°120 (Zona stadio).

Un ultimo stimolo viene da Max che evidenzia la coerenza che noi, membri del Coordinamento locale dei soci di Banca Etica , dovremmo dimostrare nella scelta che abbiamo fatto cercando di aprire il conto corrente nella banca stessa e chiudendo gli altri; su questo si apre un po di dibattito che ci porta alla conclusione della serata verso le 22:30 circa rimandando i lavori alla prossima

Appena Dario darà conferma della disponibilità dell’Ufficio Progetti magari su questa stessa discussione avremo l’ufficialità per l’incontro del 08/05/07.

Saluti radiosi

Incontro del 03/04/2007 del coordinamento dei Soci di Banca Etica

Oramai il ritrovo si avvicina … 03/04/2007 che sarebbe martedì prossimo Alle ore 21:00.
Come di consueto l’incontro è aperto anche a tutti i Soci di Banca Etica mentre gli eletti … non possono esimersi 🙂

Il nostro magico Eraldo ci ha preparato l’ordine del giorno che vi elenco:

  • Verifica contatti con le Amministrazioni locali della zona; con la CGIL Cesena– CISL e altre categorie;
  • Programma attivita di Ivan Pesaresi;
  • Programma attivita’ del coordiamento a breve e medio termine;
  • Riconsegna dell’analisi bancaria di cui al modello consegnato;
  • Varie e qualche eventuale.

Il luogo prescelto, e trovato dal buon Dall’Ara, è la sala CISL di Forlì in piazza del carmine 20 (fra piazza Saffi e la via Emilia).

Verbale coordinamento locale dei Soci di Banca Etica di Forlì e Cesena del 27/02/07

Come deciso nel precedente incontro, il coordinamento locale dei soci di Banca Etica di Forlì e Cesena si è riunito questa volta (la seconda) in via Aldini, 2 a Cesena.

L’incontro ha avuto inizio alle ore 20:45 con la presenza dei seguenti membri: Eraldo Neri, Celso Costa, Giunchi Romeo, Elisabetta Saviotti, Michele Dall’Ara, Max Barzanti, Daniele Vignatelli, Lara Burnacci, Paolo Ricci; i signori Paolo Brunetti ed Adolfo Zanuccoli hanno giustificato la loro assenza.

Il coordinatore locale, Eraldo Neri, ha subito introdotto la presenza del banchiere ambulante attivo sul nostro territorio (Ivan Pesaresi) passando poi a lui la presentazione del suo operato e dei prodotti che Banca Etica può proporre.

L’efficentissimo Ivan ha predisposto per i presenti una serie di documenti che poi passa a presentare spiegando ed approfondendo in base alle richieste dei presenti:

Prodotti offerti da Banca Etica. Rispetto a questo documento Ivan precisa che sul sito di Banca etica sono presenti tutti i modelli e contratti necessari per le varie sottoscrizioni ma gli stessi possono essere accettati unicamente da operatore abilitato (come lui stesso). Nell’allegato di cui sopra, scritte in rosso, ci sono le aggiunte discusse ed alcune curiosità dibattute dai presenti.

Si evidenzia comunque il bollettino bancario freccia che nessuno dei presenti conosceva e che permette di sostituire i bonifici bancari con costi molto contenuti. Tale bollettino è utilizzabile in ogni Istituto Bancario e si presume sia così poco pubblicizzato proprio per i suoi bassi costi (in banca etica il costo massimo è 1,50€)

Degno di essere sottolineato il fatto che per i Fondi Comuni d’Investimento di Etica SGR, nella parte relativa ai titoli di stato dei paesi euro, la scelta di Banca Etica è in favore a quelle Nazioni che dedicano % del PIL maggiori a collaborazioni internazionali con paesi del terzo mondo. Proprio per questo motivo sono praticamente inesistenti titoli di stato di Inghilterra – Svizzera – Italia

Ivan spiega poi un interessante convenzione sviluppata con l’Amministrazione Comunale di Napoli volto a favorire la smobilizzazione dei crediti (praticamente una sorta di anticipo sulle fatture) e arrivare così ad avere liquidità; questo tipo di convenzione potrebbe aiutare tutte quelle organizzazioni che lavorano su progetti finanziati da Amministrazioni Pubbliche, da AUSL, ecc. La cosa interessante, rispetto alle altre banche è che Banca Etica non ha mai revocato il credito fatto ai suoi clienti; pertanto, messa in circolo l’informazione, si cercherà nel periodo di capire se la cosa può interessare.
Come ipotesi di piano di lavoro del coordinamento locale del prossimo futuro abbiamo convenuto una tabella di marcia sintetizzata di seguito:

  • Creare un “Osservatorio del Credito” verificando le condizioni che le banche sul territorio applicano ai privati ed alle imprese con particolare riferimento ad alcuni aspetti che particolarmente possono rappresentare le condizioni. In pratica ognuno segnalerà quanto le condizioni economiche che la propria attuale banca applica. Questo permetterà magari a Banca Etica di calibrare meglio le condizioni delle future convenzioni. Il modello da utilizzarsi, messo a disposizione da Ivan è questo.
  • Inoltrare le istanze del territorio su possibili e proponibili nuove idee applicabili sul territorio medesimo per permettere a Banca Etica di offrire prodotti in linea con le esigenze
  • Proporre ai Comuni ed agli Enti del comprensorio che gravitano attorno al mondo del terzo settore di diventare soci di Banca Etica (per i Comuni occorre sottoscrivere almeno 30 azioni, per le organizzazioni Non Profit 10 azioni mentre per i privati 5 azioni). Ogni azione ha controvalore 51,64€. Attualmente sono soci il Comune di Cesena, la Provincia di Forlì-Cesena ed il Comune di Castrocaro oltre a svariati Enti del Terzo settore.
  • Allargare la base sociale coinvolgendo i vari gruppi locali e organizzando anche delle serate informative in cui Ivan ha dato disponibilità di presentare i prodotti di Banca Etica.
  • A seguito di sollecitazione circa i fondi pensione Ivan spiega che Banca Etica era organizzata per presentare e avere disponibile il tutto per inizio 2008 (come la precedente legge programmava); l’anticipazione dei tempi dell’attuale governo ha implicato una notevole accelerazione ed attualmente Banca Etica ha formato i direttori delle 10 filiali per proporre ai gruppi aziendali il fondo pensione PensPlan Plirifounds, Comparto Aequitas; i privati possono consultare e, se lo riterranno opportuno, sottoscrivere tale linea contattando direttamente i consulenti di Itas Assicurazioni; su quì si possono consultare nel dettaglio le condizioni dei fondi pensione.

Viene ultimato l’incontro alle ore 23:15 concordando il prossimo per il 03/04/2007 in luogo da definirsi a seguito di interessamento di Celso, comunque a Forlì per la giusta alternanza.

Saluti radiosi